Salute e benessere

La musica può davvero aiutare a rilassarci?

Da Graham Verndon

Molti credono fortemente che la musica possa effettivamente guarire la nostra mente, il corpo e l'anima. Indipendentemente dal fatto che tu sia di questa opinione, non si può negare che la musica abbia una forte capacità di influire sul nostro ambiente. Questa storia analizza in che modo.

Nel 2011, Marconi Union, una band di Manchester, nel Regno Unito, creò una canzone ambient chiamata “Weightless” in collaborazione con la British Academy of Sound Therapy. Presto divenne famosa come la canzone più rilassante mai registrata. Uno studio scientifico e ulteriori studi di quel periodo, hanno dimostrato che il suo movimento lento e brillante, ottenuto attraverso una combinazione di diversi principi musicali, aveva un effetto davvero calmante.

Se la pretesa al trono della canzone è difficile da dimostrare in modo definitivo, gli effetti della musica rilassante sono innegabili. La scienza moderna ha dimostrato ciò che conosciamo da millenni: la musica influisce fortemente sul nostro stato d'animo e sul nostro benessere.

“Noi umani siamo una specie musicale non meno che una specie linguistica”, scrive Oliver Saks, il celebre autore di molti libri sulla magia della coscienza umana, in Musicophilia: Tales of Music and the Brain. “I nostri sistemi uditivi, i nostri sistemi nervosi sono, in effetti, squisitamente sintonizzati per la musica. Le risposte emotive alla musica possono essere incredibilmente complesse, misteriose e profonde.”

Esperti come Sacks hanno enumerato molti effetti affascinanti che la musica ha sul cervello umano. Grazie alla risonanza magnetica (MRI) e alle tecnologie di imaging cerebrale simili, gli scienziati possono ora isolare le regioni della nostra materia grigia che sono impegnate durante l'elaborazione della musica. Si scopre che ce ne sono molte. La musica non interessa solo un'area centrale, ma piuttosto un'intera cascata di attività illumina diverse parti del cervello quasi simultaneamente.

Questo fenomeno viene esplorato nel best seller, This is Your Brain on Music, di Daniel J. Levitin, neuroscienziato, decano delle scienze sociali presso la Minerva Schools di KGI, ed ex capo del laboratorio per la percezione musicale, la cognizione e la competenza alla McGill University.

“Quando ascolti la musica, avviene una squisita orchestrazione delle regioni del cervello, che coinvolge sia le parti più vecchie che quelle più recenti del cervello umano, sia regioni distanti tra loro come il cervelletto nella parte posteriore della testa e i lobi frontali dietro agli occhi,” scrive Levitin nel libro.

Tra le aree che si illuminano vi sono le regioni del sistema mesolimbico che coinvolgono l'eccitazione, il piacere, la trasmissione degli oppioidi e la produzione di dopamina. Il cervelletto e i gangli della base sono attivi durante l'ascolto della musica, e per molti anni gli scienziati hanno creduto che queste aree del cervello fossero coinvolte solo nell'elaborare il ritmo e il metro della musica. Più recentemente, si è capito che il cervelletto è anche coinvolto nella regolazione delle emozioni attraverso connessioni con il lobo frontale e il sistema limbico.

Una recente meta-analisi di 400 studi sulla rivista Trends in Cognitive Sciences ha concluso che la musica può ridurre drasticamente il livello dell'ormone dello stress cortisolo e ridurre l'ansia fino al 65%. Sorprendentemente, la musica può anche rallentare il nostro battito cardiaco.

Una normale frequenza cardiaca a riposo è compresa tra 60 e 100 battiti al minuto. “Weightless” inizia con un ritmo di 60 battiti al minuto e gradualmente rallenta fino a 50 battiti. Nell'intervallo di circa cinque minuti di ascolto in un misterioso processo noto come trascinamento, il sistema nervoso dell'ascoltatore cercherà di rallentare per adattarsi a quel ritmo, proprio come il battito del cuore di un bambino cercherà di stare al passo con il battito di sua madre.

Aldous Huxley, come è noto, disse: “dopo il silenzio, ciò che è più vicino all'esprimere l'inesprimibile è la musica.” In effetti, forse la musica è al primo posto in questo.

Ecco alcuni suggerimenti per canali di musica relax con uno stile simile su Calm Radio. Prova il canale Sleep di Calm Radio. Calm Radio Ambient I Spaces e Ambient II Things free, i canali di musica relax gratuiti sono fonti meravigliose di musica calmante e rilassante.

Fonti:

Mayo Clinic: https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/fitness/expert-answers/heart-rate/faq-20057979

London Telegraph https://www.telegraph.co.uk/news/uknews/8830066/Band-creates-the-most-relaxing-tune-ever.html

CNN https://www.cnn.com/2013/04/15/health/brain-music-research/index.html

Libri:

This is Your Brain on Music di Daniel J. Levitin

Musicophilia: Tales of Music and the Brain di Oliver Saks

Ascolta 24 ore su 24 su canali e dispositivi illimitati

Goditi il tuo cammino audio ovunque, anche senza internet. Calm Radio offre uniche esperienze audio - musica curate; Suoni della Natura, ambienti rilassanti - così PUOI lavorare, PUOI concentrarti, PUOI rilassarti, PUOI dormire.

  • Windows
  • macOS
  • Android
  • iOS
  • Alexa
  • Sonos
  • Apple TV 4
  • Roku